• Vi invitiamo a prendere visione del Regolamento del Mercatino e delle note recentemente aggiunte - http://www.esigarettaportal.it/forum/vendo-mercatino/339-regolamento-mercatino.html
  • Nicotina: conoscerne i pericoli per utilizzarla in sicurezza - leggi qui: http://www.esigarettaportal.it/forum/eliquidi-mix-e-ricette/28164-nicotina-conoscerne-i-pericoli-per-utilizzarla-in-sicurezza.html - in evidenza nella sezione "Eliquidi Mix e Ricette"

Evic Aio brucia le coil

lowrenzo

New member
Salve a tutti, vi racconto la mia disavventura chiedendovi aiuto.
Venivo da una istick basic e volevo fare in qualche modo un salto di qualità mantenendomi su una box all-in-one, che potesse essere un minimo regolabile e più versatile. Disgrazia ha voluto che mi impuntassi sulla Evic Aio di casa Joyetech.
Provo la terribile esperienza delle coil del Cubis Pro (integrato nella box) che fanno zampilli incandescenti e che si allagano ad ogni refill, allora butto nella spazzatura TUTTE le coil datemi in dotazione con la box, e compro un pacco da 5 coil della Ego Aio, quelle da 0,6 ohm(come consigliato da molti)...adesso la box va molto meglio, si allaga molto meno, e l'esperienza è migliorata. Unico problema...le coil si bruciano dopo due giorni.
Cosa c'è che non va? Questa box è riuscita a farmi pentire di averla comprata
 
La presi anch'io con l'intenzione di sostituire le Evod che rigenero da anni a mia moglie. A parte il tiro troppo aperto non sono mai riuscito a fare più di due tank ( ma a volte nemmeno uno) senza che le testine "bruciassero".Buttata dalla finestra dopo una settimana ma,facevo meglio a farlo prima
 
Ma è possibile che un profotto industriale, quindi certificato, sia completamente inutilizzabile fino a questo punto? Perchè Joyetech non ha preso provvedimenti?
 
Certificato da chi?

Inviato dal mio XT1032 utilizzando Tapatalk

Intendo dire che non è un prodotto artigianale, ma un articolo che si vende su larga scala...come fa ad avere un comportamento così imprevedibile?
Dopo aver speso 60€ mi aspetto di avere una box che funziona, che possa piacere o meno, ma che almeno funzioni! Come fanno a mettere in vendita una cosa che con le coil in dotazione rischia di farti ustionare la lingua, e le altre le brucia in due ore?
 
Guarda , io ho smesso con quel genere di prodotti oramai da tre anni , prima si chiamavano cartom, phantom CE3 , ma il discorso non cambia : la componente consumabile degli atom di largo consumo ha una percentuale di elementi fallati alta a seconda dei lotti di produzione, poi magari sei tu che sbagli qualcosa , ma dubito.

Per questo ti chiedo : certificato da chi? Joeyetech? Mmmh.



Inviato dal mio XT1032 utilizzando Tapatalk
 
Ho comprato un pacco da 5 resistenze da 0.6 , in 3 giorni sono già arrivato alla terza...e sta cominciando a darmi sapore di bruciato anche lei. Quante sono le probabilità che in un blister 3 coil su 5 siano fallate (se non tutte) ?
 
Le coils della AIO come quelle del cubis andrebbero "iniziate" mettendoci qualche goccia di liquido
all'interno prima di montarle ed iniziare a svapare..tu lo fai [MENTION=30944]lowrenzo[/MENTION]?
 
Le coils della AIO come quelle del cubis andrebbero "iniziate" mettendoci qualche goccia di liquido
all'interno prima di montarle ed iniziare a svapare..tu lo fai [MENTION=30944]lowrenzo[/MENTION]?

Non per infierire ma, iniziate con qualche goccia , lasciato una notte intera ad "imbimbire" , anticipato il tiro prima dell'attivazione , tiri brevi ma anche brevissimi , mollata l'attivazione aspirando ancora per un attimo , e tutta una serie di ste attenzioni proprio perchè mi sembrava strano. Due pacchetti più quelle in dotazione e tutte uguali. :alt::mitra::cloud:
 
Pur essendo in perfetto accordo con chi afferma che le coil possono essere più o meno fallate già dalla produzione... Vi invito a controllare se per caso non avvitiate troppo il tappo superiore della AIO ... In tal caso la coil viene troppo pressata verso il fondo della vaschetta e non riesce a pescare il giusto liquido che le serve andando in secca... provate al minimo sentore di cambio aroma a svitare leggermente il cup superiore della AIO forse si risolve. Se la coil in questo modo riprende a funzionare bene preoccupatevi di ottenere la giusta stretta del CUP superiore ed il problema non si presenterà più.
Purtroppo AIO, CUBIS e compagnie belle che utilizzano questo tipo di coil non sono il massimo in assoluto ... e se vi gustano dovete accettare il fastidio!!!
Del resto assomigliano ad un ogiva :lol: e in aeroporto o dogana potrebbero anche arrestarvi :lol:
 
Sia io che mia moglie usiamo le coils 0.6ohm dell'AIO nel cubis e mia moglie ne fa fuori davvero tante
ma non e' mai successo che fossero da buttare [MENTION=30944]lowrenzo[/MENTION]..capisco una ogni tanto ma tutte..:nut:

L'osservazione di [MENTION=3720]RallyRace[/MENTION] va considerata; se stringi troppo la parte superiore
c'e' il rischio che si tappi la feritoia da cui accede il liquido alle coils..e vadano a farsi..benedire :pop:
 
Le coil del cubis sono così, ogni volta che apri il tank si allagano. Oltretutto sono tendenti alla steccata, proprio per come sono progettate.
Tutto per consentire di aprire il tank e versare il liquido dentro senza avere nessuna preoccupazione del camino, cosa che poi non è più possibile con il cubis pro e suoi derivati, tipo la tua evic aio.
Beh, se il risultato è questo, meglio un refill più scomodo.

Tornando al tuo problema specifico, più che in tempo devi ragionare in ml. Diciamo che le coil dovrebbero durarti 20 ml. Io credo che (se) ti durino meno è imputabile al fatto che non si alimentano sempre in maniera adeguata. Infatti anche il sapore del cubis ne risente. Io credo che sia quello il motivo perché è poco aromatico.

Io reputo le meno peggio le nuove LVC Clapton da 1.5 ohm, perché non hanno più i buchini sotto ma due buchi più grandi laterali. Soffrono ancora di più l'allagamento dell'iniziazione e del refill. Frustrante.
Le 0.6 ohm della ego aio sono le seconde meno peggio, le migliori della serie coi buchini sotto. Sono quelle che tendono meno alla steccata.

Come ti è stato detto devi giocare col cup superiore, non stringerlo troppo e svitarlo leggermente se tendi a sentire sapore di bruciato, non troppo sennò si allaga :D

Non hai speso un capitale, ma se giustamente non hai voglia di fare tutte ste commedie per un atomizzatore dalla resa in ogni caso mediocre, avvaliti del diritto di recesso. Hai 15gg per darla indietro se l'hai comprata in Italia.
 
Tutto per consentire di aprire il tank e versare il liquido dentro senza avere nessuna preoccupazione del camino, cosa che poi non è più possibile con il cubis pro e suoi derivati, tipo la tua evic aio.

Non capisco questa affermazione..il cubis pro permette di aprire solo il top per il refill..cosa intendi?
 
Quello che hai detto. Il primo cubis aveva un solo pezzo come top cap, con la resistenza avvitata. Ciò permette di riempire il tank senza preoccuparsi di versare il liquido nel camino, come capita in tutti i tank.
Ovvero così:

2e97403304ab5aeb83e7cb5d73a80cac.jpg


Infatti c'è il segno sul vetro oltre il quale non riempire, perché immergendovi la coil si alza il livello del liquido.
Voglio pensare che la progettazione di questo atom fosse studiata per avere questa caratteristica, perché per il resto non funziona benissimo. Sfidare la gravità gli da problemi di pescaggio e scalda come una stufa.

Nel cubis pro hanno tolto il segno e aggiunto il top filling, rendendolo di fatto un atomizzatore inutile, visto che la resa è scarsa e non ha più la vecchia caratteristica.
 
Uso il (i) cubis da diverso tempo con le 1.5 e tutti sti problemi non li ho.
Nemmeno inozializzo le coil.
Riempio il tank, chiudo, do quche tirata a vuoto, aspetto un po e svapo.
L'allagamento al refill dura max 3 o 4 tiri per cui niente di più frustrante di tanti altri problemi che affliggono ogni atom rigenerabile o non.
Qundo chiudo avvito.fino a che la ghiera dell'aria inozia ad aprirsi, quasi fosse la.mia regolazione dinamometrica.

Prova cosi: se quando stecca sviti e fa le bollicine, avevi serrato troppo.
 
Non sono d'accordo con te [MENTION=28895]EmA01[/MENTION] ..per me il cubis pro va meglio del primo cubis.
E per riempirlo dall'alto devi stare attento si a non versare il liquido nel foro aria (come
quasi tutti gli altri atom velocity), ma non rischi di sbagliare a riempirlo troppo perche' quando e' pieno lo vedi,
la coil non viene estratta.

Quoto [MENTION=29132]Mimmo69[/MENTION] se stecca lo sviti un po e lo riavviti un po meno stretto.. neanche io inizializzo le coils faccio come mimmo e va benissimo.

ADDON: comunque mi sa che siamo un po OT, l'evic AIO ha un simil-cubis dentro ma la conformazione e' diversa dal cubis-pro normale.

joyetech-evic-aio_1.png
 
Ultima modifica:
[MENTION=30944]lowrenzo[/MENTION] Uso l'AIO, non l'eVic. Non sarà entusiasmante ma perdite proprio no, e con una head 0.6 ci faccio 60 ml (Dirthy liscio)
Analizza una head bruciata/difettosa; si smonta in un attimo.
Togli il pin, togli la guarnizione bianca.
Appariranno due fili; afferrali con le pinze ed estrai.
Se viene fuori in due pezzi > bruciata
Se è nero il cotone solo in sommità > problemi di alimentazione
E se puoi, fotografala, grazie.
 
Evic AIO Box

Ciao a tutti, spero di non sbagliare sezione per raccontare la mia esperienza con questo gingilllo.
Allora, premetto che mi sono accostato alla sigaretta elettronica tanti anni fa, con un acquisto di ecig mini (tipo sigaretta) e ego-c. Dopo un po' di tempo (e di lunghe pause in cui le sigarette elettroniche sono rimaste nel cassetto) ho acquistato un kit di elipse della ovale (con cui mi sono trovato molto bene, ma non è questo l'argomento).
Ultimamente non le stavo utilizzando più molto, e lo smarrimento di una delle batterie ha reso necessario un nuovo acquisto.
Essendomi ormai svincolato dalla necessità di avere qualcosa di più o meno simile ad una sigaretta vera, ho deciso di orientarmi verso una box.
La scelta è caduta su joyetech perchè mi pare sia affidabile, con prodotti non eccessivi (fai da te, modding:per ora non mi serve rigenrerare, creare resistenze da solo,etc etc).
Avevo adocchiato la egrip 2, ma scartabellando il catalogo joyetech m'è sembrato che la aio fosse simile ma più recente (ho poi capito che non è proprio così).
Ho quindi optato per questa, ecco la mia esperienza.
Appena arrivata ho montato a caso uno degli atomizzatori inclusi, la sorte ha voluto fosse quello dal 0,25 ohm. Per certi versi è stato un bene, perché il dispositivo arriva settato in modalità VW al massimo della sua potenza (75W). Prime svapate sono state una serie di geyser di liquido bollente in bocca, tanto che credevo di aver acquistato un dispositivo difettoso o magari una macchina per la tortura.
Ho incominciato a scendere coi watt, e soprattutto ho capito che subito dopo la ricarica la sigaretta ha bisogno di qualche svapata per smaltire il liquido in eccesso che si accumula nell'atom e nel camino (si dice così?).
Ad ogni modo, venendo da dispositivi molto più modesti e soprattutto essendo abituato a tirare di guancia, ho deciso quasi subito di provare un'altra resistenza, e mi son detto "visto che ho provato quella con la resistenza più bassa, ora testiamo l'altro estremo". Ho così montato la head da 1,5 ohm, quella con i due buchi sui fianchi e la ghiera di regolazione che permette di aprirli o chiuderli.
Mi son subito trovato meglio, utilizzando wattaggi bassi (10-15) e con un tiro decisamente più chiuso e adatto alle mie abitudini. L'evic aio ha poi la sua ghiera di regolazione del tiraggio, quindi tenendo quasi chiuso riuscivo a tirare di guancia. Pian piano mi sono però appassionato anche al tiro di polmone con ghiera aperta. Ad ogni modo, con questo atomizzatore mi sono trovato abbastanza bene, salvo qualche problema riguardante il rilevameno: spesso tirando fuori dalla tasca l'evic mi toccava svitare e riavvitare fino a trovare una posizione, spesso un po' precaria, in cui l'atom veniva letto. Non so dire se questo problema sia tipico di questo atomizzatore perché non ho ancora provato a montare un altro 1,5 ohm.
Ad ogni modo dopo un po' è arrivato un problema ben più serio, ovvero svapate "a secco" (nonostante la regolazione tutta aperta. L'unica cosa che mi è venuta in mente è che con i problemi di rilevamento di cui parlavo prima, finivo giocoforza per stringere molto la chiusura del bocchino-camino-atom, andando forse a schiacciare troppo la guarnizione sotto l'atom (anche se questo in teoria avrebbe i due buchi laterali.... boh)
Prova sucessiva l'ho fatta con un atom da 1 ohm, leggermente più aperto e con cui inizialmente mi son trovato bene. Dopo qualche tempo ho cominciato però ad avvertire un gusto amaro nella svapata. Sia ben chiaro, non parlo del tipico tiro a secco con relativo gusto di bruciato, ma semplicemente di una forte sensazione di amaro.
Non sono sicuro però che fosse dovuto all'atom, perché nel frattempo avevo fatto il primo ordine di liquidi e quindi avevo cambiato ciò che svapavo. Alla fine ho comunque deciso di cambiare atom è ho messo uno 0,6 ohm, abbastanza chiuso (non come l'1,5), e anche se inizialmente l'amaro è svanito, devo dire che l'ho riscontrato di nuovo anche se in misura minore rispetto a prima.
Mi è poi venuto in mente che ppotrebbe dipendere dalla quantità di nicotina (forse ho sbagliato a mixare il liquido con nico e quello a 0). Adesso che ho provato a diluirlo un po' mi trovo meglio anche se giurerei di sentire ancora un po' di amaro...

Qui sono arrivato, sono ben accetti consigli, dritte, testimonianze e se vi serve anche domande a cui risponderò ben volentieri
 
Indietro
Top